Forte Lisser4

Torna a splendere il ‘Leone dell’Altopiano’. Inaugurazione in pompa magna ieri per il restauro di Forte Lisser a Enego, la fortezza militare costruita tra il 1912 e il 1914 a difesa del confine italiano contro l’impero austroungarico.

E una conferma da parte dell’amministrazione: “A breve ci sarà una seggiovia che collegherà il Forte con la sottostante Casara del Tombal.

Costruito a 1.633 metri di altezza, l’opera faceva parte dello sbarramento Brenta-Cismon e aveva il compito di bloccare l’accesso alla Valsugana orientale in caso di attacco nemico.

C’erano tutti all’inaugurazione: il sindaco di Enego Fosco Cappelleri, il vicesindaco Loris Frison, l’ex sindacoForte Lisser3 (responsabile dell’acquisizione del forte da parte dell’amministrazione comunale altopianese) Igor Rodeghiero, lo storico Leonardo Malatesta e Diego dalla Palma, ‘re del make up’ e cittadino-simbolo di Enego.

Emozionato il primo cittadino Folco Cappellari, che oltre a sottolineare l’importanza del Forte per il comune di Enego ed il suo essere strategicamente fondamentale come punto di riferimento per il turismo, ha letto due lettere inviate dal governatore del veneto Luca Zaia e dal presidente del consiglio regionale Roberto Ciambetti che, scusandosi per la mancata presenza, hanno esaltato la storia e la bellezza del ‘Leone dell’Altopiano’.

“Il Forte rappresenta la memoria storica di Enego – ha spiegato Igor Rodeghiero – Ed è il simbolo della riqualificazione fatta nel pieno rispetto della memoria storica”. La memoria storica è stata anche la protagonista del saluto del sindaco Cappellari, che ha sottolineato l’importanza di far ‘vivere’ il passato ai suoi giovani e ai visitatori proprio grazie alla ristrutturazione del forte, che ora è agibile e rende visibile e tangibile la Forte Lisser1storia vissuta dagli antichi soldati durante il grande conflitto bellico. Parlando poi di “opera simbolo di buona amministrazione” e di “importanza della riqualificazione a fini turistici”, il primo cittadino ha poi passato il microfono ai suoi collaboratori.

“L’Italia è un paese che potrebbe vivere di turismo e il turismo porta economia”, ha commentato Lonardo Malatesta, storico che ha messo ‘lo zampino’ nella ristrutturazione e contemporaneamente autore di libri che raccontano in modo dettagliato la storia locale.

“Il Forte Lisser sarà un luogo di cultura – ha commentato il vicesindaco Loris Frison, ingegnere che ha supervisionato i lavori – In questo pianale sacro non apriremo bar o ristoranti, ma useremo questa splendida cornice per rappresentazioni teatrali o concerti”.

A descrivere l’imponenza del Forte e la sua importanza anche nella storia recente di Enego e dei suoi cittadini, ci ha Forte Lisser2pensato Diego Dalla Palma, che ha raccomandato di non imbarbarire il Forte con sagre di paese, ma ha suggerito all’amministrazione comunale di siglare associazioni con compagnie teatrali  e culturali per mettere in atto rappresentazioni in grado di innalzare l’uomo”.

Anna Bianchini

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su: